Skip to content Skip to footer

Io giornalista sfigata detesto il foglio bianco e il frigo vuoto. Vuoto libera tutti!

13.00

“Tutte le volte che ti chiedono se sai fare un lavoro, rispondi “Certo che sì”. Poi datti da fare e trova un modo per farlo”. (Theodore Roosevelt)“Spazio vuoto è uno spazio non sprecato. Spazio sprecato è ogni spazio che contiene dell’arte”. (Andy War

Informazioni aggiuntive

Autore

Categoria

Letteratura – narrativa, Narrativa

Data di Pubblicazione

2017-05-26

ISBN

978-88-8163-992-2

Legatura

Brossura

Numero di Pagine

208

COD: G201802 Categorie: , Product ID: 31780

Descrizione

“Tutte le volte che ti chiedono se sai fare un lavoro, rispondi “Certo che sì”. Poi datti da fare e trova un modo per farlo”. (Theodore Roosevelt)

“Spazio vuoto è uno spazio non sprecato. Spazio sprecato è ogni spazio che contiene dell’arte”. (Andy Warhol)

Mi chiamo Paola e detesto il vuoto.

Quello del mio presente che non parte o del mio futuro lavoro da giornalista che non arriva. Né ora né mai, pare. Il vuoto che mi sono lasciata alle spalle, quello da cui fuggo. Ma il vuoto ha un peso insostenibile. E io ne ho paura. Lo riempio di cose, tutte sbagliate. Cerco in frigo quello che è nel piatto e nel piatto quello che è nella mia testa, confuso. Sempre nel posto sbagliato e intanto lui è lì. Lo nascondo dentro ma ricompare fuori, proiettato nella deserta autostrada che devo attraversare. Andare, veloce per riempire spazi vuoti, ma qualcosa si inceppa. Guasto al motore. Mi guardo intorno, ma intorno non c’è nessuno. La tangenziale è deserta, VUOTA! Perdere il controllo, sensazione netta. Rimanere vigile, concentrarsi sulla strada. Impossibile, mente in corto circuito, incapace di regolarsi. E a me non rimane che riconoscere e accettarne la rottura. Inutili congetture. Interruttore spento. Aspettare. Che riparta o che qualcuno lo faccia ripartire. Invertire il processo di trasformazione in atto: riempire spazi vuoti, tempi vuoti. Fermarsi per partire. Qualcosa accade. Il puzzle della vita si ricompone, il vuoto si trasforma. Nulla si distrugge. Eruzione in atto. Big bang creativo.

Mi chiamo Paola e amo il mio vuoto.

 

Città della Spezia Io giornalista sfigata

Image 20

 

Io giornalista sfigata detesto il foglio bianco e il frigo vuoto. Vuoto libera tutti!
13.00