';
Skip to content Skip to footer

La tela del ragno felice

12.90

Questo curioso titolo vuole porre l’attenzione sulla persona che tesse una tela intorno a se stessa per poter essere ‘felice’ curandosi fuori.

La persona che viene da vicissitudini psichiatriche (il nostro ragno felice) è, e questo audiolibro lo mostra, in grado di costruire una rete che la sostenga fuori. La psichiatria fuori è fatta di contatti, iniziative insieme, gioie condivise, emozioni narrate espresse in scritture, in musica, in video, contatti con le associazioni del territorio, della comunità, condivisioni e progetti insieme.

Cammini insieme, favoriti dalla volontà di chi sperimenta il dolore psichico di lottare, esserci, fare, ritornare ad essere “felice” nella tela che costruisce con gli altri e nell’esprimere i bisogni che ha. Troveremo la funzione della maggiordoma della PRATO che risponde appunto a bisogni accanto alle capacità e le risorse del ragno. E l’importanza della comunicazione, dello stare insieme, divertirsi insieme, creare insieme. Vittoria sulla solitudine, sugli spazi vuoti e tristi, sulla sensazione di aver fallito, o di aver poco.

È una tela ricca e fitta, inaspettata che vince sul vuoto temuto. Non ci potrebbe essere se non con la volontà di tutti, dalle persone sofferenti a chi fa volontariato, alle associazioni (ALFaPP, Insieme per caso, Arci Pianacci che sono nel libro), ai servizi pubblici e privati, ai luoghi di aggregazione laici e religiosi. Una risposta ai bisogni di chi ha compiti di programmazione dell’assistenza psichiatrica. Favorire una psichiatria fuori è l’invito di questo audiolibro. È un invito a tutti gli attori della salute mentale fruitori e tecnici ma anche alla comunità stessa, la città che cura.

Informazioni aggiuntive

Autore

Categoria

Collane>Letteratura – narrativa

Data di Pubblicazione

15 aprile 2024

ISBN

978-88-3298-508-5

Legatura

Brossura

Misure

14×21 cm

Numero di Pagine

148

Descrizione

La PRATO è nata perché le persone possano ‘esserci’. Le persone con disagio attingono alle loro risorse e le esprimono in modi diversi scegliendo il modo che più risponde ai loro bisogni, che sia il lavoro, l’arte, il gioco o lo svago. La sede in via Calamandrei 61/10 a Genova Voltri è sempre aperta e vengono svolte diverse iniziative. I gruppi di auto aiuto sono la base su cui si costruisce una rete di relazioni e legami che permettono altri gruppi come Musica, Scrittura, Pubblicazioni, Progetti, e Informatica.

Ti potrebbe interessare…

  • L’AMBIENTE CURATO CURA Riflessioni sugli spazi per una psichiatria moderna – IL VASO DI PANDORA Vol. XXIX n.2 – 2021

    10.00 Buy now
  • Bolo Isterico

    11.90 Buy now
  • Mi piace scrivere – Antologia del concorso letterario in memoria di Armando Misuri

    14.90 Buy now
  • Il viaggio di Miriam e Gaetano attraverso la psicosi

    10.00 Buy now
  • Ritorno a Basaglia?

    28.00 Buy now
0