Skip to content Skip to footer

Il movimento della Consapevolezza Nera in Sudafrica

18.00

Dalle origini al lascito di Stephen Biko

Informazioni aggiuntive

Autore

Categoria

Cronache sociali, Filosofia, storia e scienze umane, Saggistica

Data di Pubblicazione

0000-00-00

ISBN

978-88-8163-673-0

Legatura

Rilegato

Numero di Pagine

236

COD: 201142 Categorie: , , Product ID: 31466

Descrizione

Nel 1994, terminava ufficialmente l’apartheid in Sudafrica. In quello storico anno nasceva la “nazione arcobaleno“, sostenuta dalla presidenza di Nelson Mandela. La democrazia che la società sudafricana vive oggi è stata il frutto delle lotte portate avanti, nei decenni precedenti, da uomini e donne comuni, da studenti, da attivisti per i diritti civili, da artisti ed esponenti dell’intellighenzia africana, e da figure politiche dotate della consapevolezza di poter modificare lo status quo edificato con tanta tenacia da una minoranza bianca auto-definitasi “popolo eletto”.

Un ruolo importante nell’infondere orgoglio e speranze tra i neri sudafricani lo ha avuto il Black Consciousness Movement (BCM), il movimento della Consapevolezza Nera, il cui maggiore esponente è stato Stephen Biko (1946-1977). Il saggio descrive il contesto storico in cui fu attivo il BCM (anni ’60 e ’70 del XX secolo), gli influssi (Frantz Fanon, Malcolm X, il Black Power afro-americano) ai quali si sono ispirati i componenti del movimento, oltre che le iniziative realizzate per trasformare il nero sudafricano non più oggetto della storia, ma soggetto attivo.

Il movimento della Consapevolezza Nera in Sudafrica
18.00