Skip to content Skip to footer

Colpevoli e Peccatori nella legislazione della Chiesa

11.90

Storia e peculiaritàdel Diritto Penale Canonico

Informazioni aggiuntive

Autore

Categoria

Altri Manuali, Collane, Filosofia, storia e scienze umane, Manuali, Saggistica

Data di Pubblicazione

2019-11-07

ISBN

978-88-3298-143-8

Legatura

Brossura

Numero di Pagine

260

Descrizione

Comunemente si sente parlare di pena canonica, di processi ecclesiastici tristemente noti come quello effettuato contro l’Or­dine dei Templari o quelli ancora più efferati compiuti dalla Santa In­quisizione, perseguitando le cosiddette streghe, per futili motivi o per superstizioni estremiste, che hanno visto diversi uomini e donne in­nocenti condannati al rogo con sommarie sentenze di eresia o blasfe­mia. Ma occorre soffermarsi su concetti più profondi che definiscono la pena all’interno del diritto della Chiesa, evitando di cadere in facili fraintendimenti, talvolta anche molto fuorvianti. Le pene della Chiesa non sono come quelle degli ordinamenti statuali, dai quali differiscono sostanzialmente. Le pene sono di ordine spirituale e operano nell’am­bito della coscienza.

Dopo un breve excursus storico, l’Autore ben evidenzia questa pecu­liarità, cercando di far comprendere al lettore il vero spirito della norma penale canonica, rilevando come il diritto della Chiesa sia tutto ispirato a suggerire cautela nel comminare le sanzioni. Solo quando ci si sia resi conto che senza l’applicazione di una pena non è possibile che venga riparato lo scandalo, che sia ristabilita la giustizia o che venga emendato il colpevole (peccatore), occorre infliggere la sanzione.

La principale finalità della pena canonica, infatti, rimane la conver­sione del reo, nella speranza che questo accetti la punizione come espia­zione del suo peccato, nella prospettiva della misericordia cristiana.

Per vedere il servizio del Tg3 del 4 dicembre 2019 clicca qui (si trova al minuto 14,15) 

Colpevoli e Peccatori nella legislazione della Chiesa
11.90