Skip to content Skip to footer

NON IMITO DJANGO REINHARDT

10.00

La distonia focale del musicista:malattia o deragliamento emotivo?

Informazioni aggiuntive

Autore

Categoria

Benessere e Salute, Medicina e Benessere, Saggi, Saggistica

Data di Pubblicazione

2015-07-10

ISBN

978-88-8163-866-6

Legatura

Brossura

Numero di Pagine

80

COD: D201537 Categorie: , , , Product ID: 31669

Descrizione

Prefazione di Luigi Mangiocavallo con il contributo di Enrico Farina e Paolo Olivieri

La distonia focale è un male oscuro, da molti considerato incurabile. Sembra che quella dei musicisti sia la categoria più a rischio. La buona notizia è che di distonia focale non si muore. Ma è un genere di guaio che può distruggere un sogno, rovinare una carriera, vanificare anni di sacrifici, demolire una ragione di vita.

C’è chi ha definito la distonia focale “la sorella stupida del Parkinson”; ma c’è anche chi ne nega la natura neurologica. Essenzialmente si tratta di un disturbo del movimento caratterizzato da contrazioni muscolari involontarie che ostacolano o impediscono lo svolgimento di una specifica attività, come suonare uno strumento musicale. 

Sorge spontanea la domanda: perché, ad un tratto, la distonia focale? E soprattutto, davvero non c’è nessuna speranza?

Questo libro intende contribuire al dibattito in corso attraverso la ricostruzione della vicenda personale di un testimone d’eccezione: me stesso.

NON IMITO DJANGO REINHARDT
10.00