Skip to content Skip to footer

La Fontanassa

10.00

Storia di una secolare masseria di Gavi – The long story of an age-old manor house based in Gavi

Informazioni aggiuntive

Autore

Categoria

Architettura, Arte, Cronache sociali, Filosofia, storia e scienze umane, Genova e Liguria, Immagini e Luoghi di Liguria, Storia regionale

Data di Pubblicazione

2013-01-06

ISBN

978-88-8163-7638

Legatura

Brossura

Numero di Pagine

64

Descrizione

Lerma, Albera, Gatti, Baciocchi e Sertorio, una lunga teoria di famiglie nobili e borghesi che si sono succedute sino a lasciare il posto ai “massari” che della Fontanassa erano i conduttori, oggi della famiglia Gemme. Una storia di rapporti umani, contratti di mezzadria, tecniche utilizzate per la coltivazione dei campi e dei vigneti, sino ai processi per la vinificazione. La stessa denominazione di questa masseria ha subito nei secoli differenti declinazioni dialettali, passando da Fontanazza a Fontanaccia per arrivare all’attuale Fontanassa.

Anche lo stesso appellativo di “masseria” è stato ritrovato, dopo che era quasi completamente scomparso dal vocabolario di questo territorio, dimenticando con questo anche l’originale identità. Le masserie, infatti, erano entità economiche e sociali autosufficienti. Per ragioni di sopravvivenza dovevano essere in grado di produrre quanto necessario al sostentamento e alla loro protezione. Difesa passiva garantita spesso con la parziale fortificazione degli edifici rurali per cercare di respingere le ricorrenti scorribande di briganti e malviventi di passaggio. Non è un caso, infatti, che anche la Fontanassa si era dotata di una solida torre e di una cinta muraria.

Oggi quasi tutte le antiche masserie di Gavi sono diventate moderne Aziende Agricole, con la piena consapevolezza delle loro origini. Radici che a pieno titolo fanno parte della storia di questo territorio insieme alla produzione vitivinicola che ha reso Gavi celebre nel mondo. Infatti, il vino bianco che qui si produce, il Cortese di Gavi, dal 1998 è diventato Gavi D.O.C.G. (Denominazione d’Origine Controllatae Garantita), un riconoscimento alla qualità ma anche alla sua storia secolare.

Lerma, Albera, Gatti, Baciocchi and Sertorio aristocratic families, which succeeded one another till they left the place to the “sharecroppers”, today Gemme family. An history of human relationships, sharecropping contracts, vineyards, fields cultivation techniques and wine-making process. This farm nomenclature changed over the centuries passing from dialectal name of Fontanazza to Fontanaccia then Fontanassa. Manor house nomenclature has almost disappeared from this area vocabulary, forgetting its origin and its identity. Manor houses were actually self-sufficient, independent economic bodies. They had to produce enough for their own sustenance and protection. Their passive defense consisted in a partial fortification of the rural buildings with the aim to repel the usual bandits incursion. Fontanassa as well was equipped with an enclosing wall and a tower. Today these ancient farms are modern agricultural companies, fully aware of their origins. Their roots make part of this area history together with their wine production which made Gavi known all over the world.
Cortese di Gavi white wine is actually Gavi D.O.C.G. (Controlled and Guaranteed designation of Origin) since 1998, a quality acknowledgment but also attribute for its age old story.

La Fontanassa
10.00