Skip to content Skip to footer

I Spozoéi Inpromìssi

19.90

Perché tradurre in genovese il romanzo del Manzoni? Scommessa? Pazzia? Affettazione?

Informazioni aggiuntive

Autore

Categoria

Altre lingue, Narrativa, Usi e costumi tradizionali

Data di Pubblicazione

0000-00-00

ISBN

978-88-8163-750-8

Legatura

Brossura

Numero di Pagine

0

COD: C201406 Categorie: , , Product ID: 31555

Descrizione

I Promessi Sposi, anzi I Sposoéi Inpromìssi…
Ma perché tradurre in genovese il romanzo del Manzoni?  Scommessa? Pazzia? Affettazione?
No, amore… l’amore per una lingua giasciâ co-e trenette e i menestroin, quando il genovese era ancora la parlata dominante di un popolo, vergata e messa in versi già nel ’200. La parlata di un popolo che purtroppo alcuni, per qualche ragione non bene identificabile, tendono superficialmente a svalutare; per questo motivo, oggi è abbastanza difficile trovare testi in prosa scritti in genovese, testi che riportino la “parlata”, che la fissino sulla carta per sempre, così com’è da quando l’uomo ha scoperto la scrittura. Qualcosa è stato fatto invece con le traduzioni di testi classici: abbiamo una Ra Gerusalemme deliverâ dello Stêva De Franchi del 1755 e La Divina Commedia del Padre Angelico Federico Gazzo del 1909. Ma si tratta di opere di poesia non di prosa. Ora questo I Sposoéi Inpromìssi viene a colmare una lacuna, a voler essere un punto di riferimento e di partenza. Il romanzo manzoniano è noto e quindi la rilettura in genovese non deve servire come un ripasso ma invece come la riscoperta (o la scoperta?!) di una lingua che non è assolutamente òrdenâia, e che anzi, nella traduzione fedele del testo italiano, mostra tutta la sua grazia, la sua vivacità, la sua limpidezza… la sua attualità; capace, insomma, di reggere il confronto con il quotato originale.

I Sposoéi Inpromìssi è stato scritto con la Grafîa Ofiçiâ.
Con la Grafîa Ofiçiâ il genovese come lo parli lo scrivi, come lo scrivi lo leggi, come lo leggi lo parli.

I Spozoéi Inpromìssi
19.90