Skip to content Skip to footer

Poesie inutili

12.00

Ho sempre ricordato molti sogni. Li raccontavo, nell’infan¬zia, ai miei gatti e a qualche sporadico compagno di giochi. Poi nel crescere …

Informazioni aggiuntive

Autore

Categoria

Letteratura – narrativa, Poesia

Data di Pubblicazione

2019-01-07

ISBN

978-88-3298-054-7

Legatura

Brossura

Numero di Pagine

64

COD: G201888 Categorie: , Product ID: 31869

Descrizione

Ho sempre ricordato molti sogni.

Li raccontavo, nell’infan­zia, ai miei gatti e a qualche sporadico compagno di giochi. Poi nel crescere nessuno li ascoltava più, così li ho scritti per non perderli. Dagli anni ’70 li ho messi in un cassetto.

Qualcuno li lesse e disse che ero un “surrealista immaginifi­co”. Iniziai così a leggere i surrealisti e a ritroso i romantici. Come i surrealisti, detesto i premi culturali e perciò non par­tecipo a gare sgomitanti fra intellettuali e secchioni.

Sin dalla mia prima infanzia, ho sempre dise­gnato e soprattutto colorato. Poi la scuola italiana e le mie condizioni economiche mi hanno fatto passare la voglia di dipingere. Solo recentemente ho partecipato a qualche mo­stra collettiva.

Ho fatto esperimenti musicali ed elaboro foto a cui introduco testo (Immagine e poesia), mi occupo di tecniche e ricerche pittoriche.

Poesie inutili
12.00